scrivere progetti
per cambiare il mondo

Da oggi l’europrogettazione per te non ha più segreti. 

cos'è la progettazione europea?

01

Europrogettazione innanzitutto è una bellissima parola – noi l’amiamo molto! – che ne mette insieme altre due che fanno sognare: Europa e progettazione.

Ecco cos’è l’europrogettazione: significa ideare, redigere, presentare e implementare progetti che rispondono ai bandi pubblicati dalla Commissione Europea.
Perché risultino “vincenti” servono professionisti – gli europrogettisti, appunto! – con competenze specifiche ed esperienze pratiche, che sappiano dare vita a progetti davvero innovativi, in sintonia con gli obiettivi europei.

Ma non solo: contano tantissimo i partner che, insieme agli enti capofila, partecipano alla realizzazione del progetto.
Vuoi saperne di più?

A cosa serve l'europrogettazione?

Innanzitutto, a stare al passo con i tempi 😁
E con l’Unione Europea che ha, tra i vari obiettivi, quelli di risolvere determinate problematiche. 

L’europrogettazione infatti ambisce a rendere migliore la vita di tutti i cittadini rispondendo ai loro bisogni in modo concreto. E lo fa realizzando gli obiettivi e le priorità che l’Unione Europea si è data per rendere il vecchio continente un posto dove è bello vivere.

Cosa fa l'europrogettista?
Risolve problemi!

E già, risolve problemi aiutando gli enti pubblici, privati e no-profit a realizzare progetti in ambito culturale, innovazione tecnologica e salvaguardia ambientale. L’europrogettista infatti individua soluzioni innovative e “scalabili” per migliorare la vita delle persone ma anche raggiungere gli obiettivi comunitari.

Ecco perché il lavoro dell’europrogettista è tutt’altro che trascurabile – anche se molti ti diranno “euro che…?”: quello che fa ha infatti un vero e proprio impatto – sociale, economico, culturale – sulla comunità in cui opera. Ma non solo: anche su realtà contigue o completamente diverse, generando una sorta di reazione a catena di azioni positive.
Hai mai sentito parlare di “good practices“? Una volta concluso un progetto, l’europrogettista non sta con le mani in mano ma redige dei veri e propri manuali per aiutare gli altri progettisti a capire la metodologia applicata per poi replicarla.
Sembra un lavoro in solitudine, ma in realtà non lo è 😉

Come si diventa europrogettista?

02

Non esistono albi o certificazioni obbligatorie per diventare europrogettista, l’importante è unire una conoscenza pratica a una teorica.

E anche se hai letto che l’iscrizione a un albo o una certificazione sono obbligatorie, sappi che in realtà non è così. Però la formazione per diventare europrogettisti è fondamentale. Specie per familiarizzare con i termini, i bandi, le scadenze ecc… poi conta tantissimo l’esperienza.

Grazie al nostro Master potrai fare esercitazioni pratiche, lavorare su un vero progetto europeo ed essere tu a rispondere alla call for proposal. Inoltre, ti mettiamo in contatto con varie realtà che sono alla ricerca di europrogettisti.
Ti aiutiamo non solo a progettare il tuo percorso, ma a costruirti la tua professionalità!

Inizia subito
il tuo percorso
da europrogettista